«La regola secondo me è: quando sei a un bivio e trovi una strada che va in su e una che va in giù, piglia quella che va in su. È più facile andare in discesa, ma alla fine ti trovi in un buco. A salire c’è più speranza.» Tiziano Terzani

Daniela Lucangeli è laureata in Filosofia e in Psicologia all’Università di Padova e ha conseguito il dottorato di ricerca in Scienze dello sviluppo dell’Università di Leida. È professore ordinario presso il dipartimento di Educazione, Psicologia e Medicina dell’Università di Padova. Attualmente è consulente per l’Osservatorio nazionale dell’infanzia in Italia, è ricercatore per il comitato scientifico dell’Accademia Mondiale delle Scienze sulle difficoltà di apprendimento, ed è membro del comitato scientifico del Ministero della Pubblica Istruzione. È presidente dell’Associazione per il coordinamento nazionale degli insegnanti specializzati e direttore scientifico per i centri italiani “Polo Apprendimento”. 

_________________

Le emozioni contano: i bambini apprendono meglio con il sorriso” di Valeria Bellagamba, Universo Mamma, 18 novembre, 2017

La Professoressa Daniela Lucangelidocente di Psicologia dello sviluppo all’Università di Padova, ha sviluppato il concetto di cortocircuito emozionale per descrivere quelle situazioni di difficoltà emotiva, paura, dolore che rendono difficile l’apprendimento, in particolare nei bambini con problemi.

La professoressa da anni si occupa di psicopatologia dell’apprendimento e disturbi specifici dell’apprendimento (DSA), come la dislessia e discalculia. Per aiutare i bambini con questi problemi, Lucangeli ha sviluppato delle tecniche che si basano sulle emozioni e sul gioco. Secondo la professoressa, infatti, lo stato emotivo del bambino influenza il suo apprendimento. “Le emozioni accompagnano ogni forma di apprendimento. Se vogliamo che i bambini apprendano dando il meglio di sé, dobbiamo farli apprendere con il sorriso“, afferma Daniela Lucangeli.

Come superare il cortocircuito emozionale che rende difficile l’apprendimento

Per aiutare i bambini è importante neutralizzare le emozioni negative come la paura e il senso di colpa, che bloccano l’apprendimento o lo rendono molto più difficile e soprattutto un’esperienza dolorosa.

Le emozioni influenzano la memoria a lungo termine, spiga Lucangeli, un processo che avviene attraverso l’attivazione degli ormoni dello stress nel circuito dell’amigdala, la parte del cervello che gestisce le emozioni e soprattutto la paura. Le emozioni influiscono nel comportamento sulla base di un meccanismo di reazione.

Ogni atto psichico volontario, infatti, implica un “network circuitale” che è influenzato dalle emozioni. Come se dentro di noi avessimo un “ribollitore biochimico” che produce energia.

L’emozione ha una grande influenza sul comportamento è il “grande decisore”, perché è più potente del sistema cognitivo, spiega la professoressa Lucangeli. Non possiamo controllare tutti i nostri comportamenti con la mente, perché le emozioni positive o negative prendono il sopravvento.

Paura, senso di colpa, ansia incidono sulle capacità di apprendimento e creano il cortocircuito emozionale. Questa condizione ostacola o complica le capacità di apprendimento e con il tempo può far dimenticare ciò che si è imparato, perché la mente tende a fuggire dalle esperienze e dai ricordi dolorosi.

Per disattivare le emozioni negative, soprattutto senso di colpa e paura, e superare il cortocircuito emozionale, è importante creare una situazione positiva, stimolando emozioni positive.

In primo luogo, per rimuovere il senso di colpa bisogna riconoscere ai bambini il diritto di sbagliare, motivarli e stimolare in loro emozioni positive. Il diritto all’errore, come processo di modifica e miglioramento continuo, cambia il livello di consapevolezza. Al bambino bisogna dire bravo, stabilire con lui un rapporto di fiducia. Vista l’importanza delle emozioni nell’apprendimento, sviluppo cognitivo ed emotivo sono due percorsi che vanno insieme.

Le memorie del dolore, poi, sono non solo individuali ma transgenerazionali, ovvero si trasmettono anche alle generazioni future, spiega la dottoressa.

L’emozione del senso di colpa va contrastata con il diritto all’errore. Errore va visto come processo di modifica e miglioramento continuo. L’insegnante, secondo la professoressa, deve essere alleato del bambino contro l’errore, e non alleato dell’errore per giudicare il bambino. Deve fare in modo di tracciare l’apprendimento dei suoi alunni con delle emozioni positive.

La professoressa Lucangeli spiega anche l’importanza del contatto con i bambini: tornare ad imparare a guardarli negli occhi, abbracciarli, ad accarezzarli implica mettere nel circuito delle memorie permanenti legate alle emozioni che costituiscono ben-essere e non mal-essere.

______________

Questo è il discorso di Daniela Lucangeli tenuto in un evento TEDx.  

Fonte Fonte

Annunci

Commenti su: "Daniela Lucangeli – Cortocircuiti emotivi: l’intelligenza dietro gli errori" (1)

  1. […] quanto sia importante il qui pro quo nei processi di apprendimento, tanti sono gli esperti di Psicologia dello sviluppo e di Didattica dell’apprendimento a ribadirlo e quanto l’emotività influenzi i processi di […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: